Martedì, 28 Aprile 2015 08:23

Funzionamento e tipologie di impianti fotovoltaici

Scritto da 

Al giorno d'oggi è indispensabile, sia per i privati che per le aziende, garantirsi la scelta migliore al soddisfacimento energetico, sia in termini di risparmio che in termini di rispetto per l'ambiente. Per questo si sente sempre più spesso parlare di impianti fotovoltaici, ovvero, sistemi che sfruttano i raggi solari per generare corrente elettrica continua tramite l'effetto fotovoltaico. Quello che fanno i pannelli fotovoltaici è trasformare l'energia solare in energia elettrica con basse emissioni di CO2 e l'energia viene prodotta in quantità sufficiente al fine di rendere autonomo l'edificio.

Come funzionano gli impianti fotovoltaici?

Le celle solari, ovvero, i contatti chimici, per la connessione a più celle, formano un un modulo fotovoltaico, che unito a più moduli, crea l'impianto fotovoltaico. Il pannello, formato da celle fotovoltaiche, trasforma i fotoni e gli atomi delle radiazioni solari, in volt, cioè in energia elettrica. Quello che noi vediamo sui tetti delle case, degli edifici, delle aziende, non è altro che un enorme pannello di colore blu o nero sul quale viene aggiunta una sottile lastra di vetro per preservare il materiale semiconduttore. Per poter essere però utilizzata,  la corrente elettrica generata dal pannello fotovoltaico deve essere trasformata in corrente alternata, in questo modo possiamo alimentare lo scaldabagno, la lavastoviglie, la tv, ecc. Questo è reso possibile dall'inverter, per l'immissione nella rete elettrica pubblica. Un dato importante è quello di riuscire a conoscere la tipologia di silicio utilizzata per la costruzione delle celle solari, questo per determinare l'influenza del rendimento termico dell'impianto: pannello fotovoltaico al silicio amorfo rendimento pari al  6-10%; pannello fotovoltaico al silicio monocristallino rendimento pari al 13-17%; pannello fotovoltaico al silicio policristallino rendimento pari al 12-14%.

Quante tipologie di impianti fotovoltaici esistono?

Prima di tutto dobbiamo capire dove possono essere installati i pannelli fotovoltaici: sulla facciata dell'edificio, sul tetto, sul piano inclinato, sulla terrazza dove diventa possibile ottenere un'inclinazione  di 30° a Sud, per avere a disposizione più luce. I pannelli solari sono progettati per captare ogni minima radiazione solare e si distinguono per autonomia in:

  • Autonomi, ovvero, non sono integrati in nessuna rete elettrica e producono l'energia necessaria a soddisfare il fabbisogno energetico di un'abitazione standard;
  • Connessi alla rete, e nelle ore in cui l'impianto non produce energia, viene accumulata in credito per l'utente;
  • Gli impianti fotovoltaici per utenze isolate, sono installati, ad esempio, nelle case in montagna, e garantiscono la fornitura di energia elettrica in zone in cui non vi è la rete locale;
  • Gli impianti fotovoltaici anti-blackout, garantiscono  l'erogazione della corrente elettrica anche nel momento del blackout.
Letto 1554 volte Ultima modifica il Giovedì, 09 Febbraio 2017 13:41