Martedì, 10 Aprile 2018 15:42

Maniche per la flessografia: un elemento essenziale

Scritto da 

Quando si parla di flexografia è difficile immaginare il grande lavoro che sta dietro la progettazione e realizzazione delle maniche (sleeve) per la stampa. Le maniche infatti sono una componente essenziale per la stampa in continuo (senza giunte), sono l’elemento che fa la differenza tra un impianto stampa di alta qualità ed uno mediocre. Riuscire a individuare i partner giusti per la realizzazione delle proprie sleeve è un passaggio particolarmente importante: assicurarsi maniche perfette è il primo passo verso il successo commerciale.

Ma dove trovare le sleeve migliori?

Quando si parla di maniche in elastomero (o sleeve), vengono subito in mente produttori come Rossini, ma oltre alla qualità delle materie prime è la personalizzazione del prodotto finito che fa la differenza. Le aziende leader operanti nel campo della produzione di impianti flexografici si caratterizzano proprio per la capacità di adattarsi alle varie esigenze dei print buyer.

Il punto di partenza è costituito dall’utilizzo dei migliori sistemi tecnologici ed informatici per la realizzazione degli impianti; tuttavia solo affidandosi a dei veri professionisti si può ottenere un prodotto versatile, che risponda davvero ai bisogni del cliente.

In Italia, tra i produttori partner di Rossini troviamo Nu-Maber , azienda che si contraddistingue per la storia trentennale ma anche per un management votato all’innovazione: il reparto macchine sempre aggiornato, le più recenti certificazioni, postazioni grafiche all’avanguardia per una prestampa perfetta. Nu-Maber si occupa dell’intero processo di incisione delle maniche flessografiche, attraverso un know how che mira alla realizzazione di un prodotto di alta qualità ed altamente personalizzato.

Troppo spesso, infatti, si fa economia sul processo di progettazione delle sleeve; economia che si paga, al momento della messa in funzione dell’impianto, con difetti nella resa cromatica o con forme non esattamente identiche all’originale.

Letto 281 volte Ultima modifica il Giovedì, 19 Aprile 2018 10:26